Questo sito utilizza cookies per memorizzare informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza degli utenti. Utilizzando questo sito, acconsenti al posizionamento di questi cookies. Maggiori informazioni

L’Associazione – Solo X l'Ascoli

Il pubblico mi commuove in maniera particolare. Quando ascolto l’incitamento collettivo di migliaia di voci, quando vedo i tifosi urlare e cantare tutta la loro passione, un nodo mi percorre la gola — Costantino Rozzi, dicembre 1975

Organigramma dell’Associazione

Consigliere 1

Giovanni Morganti

Presidente

Consigliere 2

Piergiorgio Cimica

Consigliere

Consigliere 3

Antonio Cisternino

Consigliere

Consigliere 6

Riccardo Di Ridolfo

Consigliere

Consigliere 5

Riccardo Morganti

Consigliere

Consigliere 4

Corrado Piccioni

Consigliere

Consigliere 7

Tiziana Romagnoli

Consigliere

Come aderire all’associazione

Per aderire all’associazione puoi inviare il modulo di iscrizione compilato e firmato:

  1. via e-mail, firmato e scansionato, all’indirizzo info@soloxlascoli.it

È possibile versare la quota associativa attraverso un bonifico bancario da effettuare all’IBAN: IT 64 U 02008 38230 0001 0285 4488 indicando come causale "versamento quota sociale".

Scarica il modulo di iscrizione nel formato PDF

Prima di firmare è consigliabile leggere lo statuto onde evitare spiacevoli malintesi.

Come rinnovare l’adesione all’associazione

Per rinnovare l’adesione puoi inviare il modulo di iscrizione compilato e firmato:

  1. via e-mail, firmato e scansionato, all’indirizzo info@soloxlascoli.it

È possibile versare la quota associativa attraverso un bonifico bancario da effettuare all’IBAN: IT 64 U 02008 38230 0001 0285 4488 indicando come causale "versamento quota sociale"

Scarica il modulo di rinnovo nel formato PDF

Prima di firmare è consigliabile leggere lo statuto onde evitare spiacevoli malintesi.

Iscriviti tramite PayPal

Inserisci i tuoi dati anagrafici e fai click sul pulsante "Abbonamento"

Statuto dell’Associazione

1. E` costituita l’associazione culturale e di aggregazione sociale denominata “Solo per l’Ascoli” L’associazione è apartitica e aconfessionale ed ha sede nel comune di Ascoli Piceno. Con delibera del Consiglio Esecutivo potranno essere istituite e soppresse sedi secondarie, delegazioni e uffici distaccati e potrà essere modificata la sede principale.

1. La durata dell’associazione è illimitata nel tempo e sarà regolata dalle norme di legge nonché dal presente statuto. Lo scioglimento dell’Associazioneè deliberato dall’Assemblea con la maggioranza dei 2/3 (due terzi) dei Soci, che provvederà alla nomina di uno o più liquidatori, determinandone i poteri.

2. In caso di scioglimento per qualunque causa, cessazione od estinzione dell’Associazione, l’Assemblea ordinaria, dopo l’esaurimento della liquidazione, deciderà la devoluzione dei beni residuanti a favore di altre associazioni con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’articolo 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996 n. 662 e salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

1. L’associazione nasce per promuovere, tutelare e diffondere la conoscenza dell’Ascoli Calcio e dei suoi tifosi interagendo, all’occorrenza, con Istituzioni, altre associazioni, Enti e persone singole; tutelare e diffondere la storia dell’Ascoli Calcio; promuovere e sviluppare il tifo in favore dell’Ascoli Calcio, ispirandosi ai valori di lealtà e sportività; promuovere e diffondere l’aggregazione e l’incontro degli associati, organizzando eventi a carattere ricreativo, ludico o culturale e/o partecipandovi, al fine dell’accrescimento morale e civile degli associati, mediante la condivisione dei valori di solidarietà ed amicizia; essere un punto di riferimento per i tifosi bianconeri sparsi nel mondo fornendo, ove possibile, notizie, assistenza, consigli e fratellanza affinché ogni singolo tifoso possa sentirsi "sotto le Ali del Picchio" sempre ed ovunque. L’associazione contribuisce allo sviluppo di un movimento di tifosi dell’Ascoli Calcio forte, autonomo ed indipendente.

2. Per il conseguimento delle proprie finalità l’associazione, avvalendosi prevalentemente delle attività prestate in forma volontaria, libera e gratuita dagli associati, potrà attuare tutte le iniziative ritenute opportune e necessarie dal Consiglio Esecutivo nonché tutte quelle che l’Assemblea nei termini oltre specificati riterrà di proporre a quest’ultimo.

1. L’associazioneè senza scopo di lucro. Le entrate dell’Associazione sono interamente utilizzate per il perseguimento dello scopo sociale. Nonè ammessa alcuna forma di distribuzione di utili ai soci ed eventuali avanzi di gestione dovranno essere utilizzati per il conseguimento degli scopi associativi. Le entrate dell’associazione sono costituite dalle quote associative, dalle sovvenzioni e dagli aiuti finanziari che non pregiudichino l’autonomia e l’indipendenza dell’associazione nonché dai proventi derivanti dalla organizzazione di eventi e manifestazioni.

1. L’associazione si compone di tre categorie di soci: i soci fondatori, i soci onorari e i soci ordinari.

2. Sono soci fondatori i soci che partecipano alla costituzione dell’associazione formandone lo statuto e sostenendone i costi iniziali. Per essi la quota associativa inizialeè pari a € 50,00 (cinquanta/00). Essi restano in carica per 6 (sei) anni dopodiché tutti i poteri ad essi riconosciuti dal presente Statuto passano all’Assemblea che, convocata dal Presidente, nei casi di specie delibererà a maggioranza semplice dei votanti che rappresentino almeno 1/3 del totale dei soci.

3. Sono soci onorari dell’Associazione coloro che, per meriti sportivi, culturali, artistici, umanitari o diversi, vengono ritenuti idonei a ricoprire detta carica dal Consiglio Esecutivo con decisione presa all’unanimità, anche previa proposta dell’Assemblea ordinaria votata a maggioranza semplice. Ai soci onorari non viene chiesto il versamento della quota associativa. Sono comunque esclusi dalla categoria dei soci onorari gli atleti ancora in attività.

4. Sono soci ordinari coloro che aderiscono all’Associazione nel corso della sua esistenza.

5. L’adesione all’associazioneè a tempo indeterminato e non può essere disposta per un periodo temporaneo.

6. Può esser socio dell’Associazione qualsiasi persona fisica maggiorenne che ne faccia richiesta, che si professi tifoso dell’Ascoli Calcio e che si riconosca nello spirito e negli ideali delle finalità istituzionali ed intenda condividerle. Non possono esser soci le persone giuridiche nonché le persone fisiche che ricoprano, al momento della richiesta di ammissione, o che abbiano ricoperto nei precedenti 24 mesi cariche societarie all’interno della società Ascoli Calcio 1898 S.p.A o altra società, comunque denominata, che ne abbia acquisito il titolo sportivo o società ad esse partecipate o partecipanti.

7. L’ammissione dei soci ordinari avviene su domanda scritta fatta pervenire anche attraverso email dagli interessati edè sottoposta ad accettazione da parte del Consiglio Esecutivo che delibera a maggioranza di 2/3 dei componenti. La decisione del Consiglio Esecutivo, comunicata via email all’interessato con indicazione dell’eventuale causa di non accettazione, può essere impugnata entro 20 giorni davanti al collegio dei soci fondatori che decide inappellabilmente a maggioranza assoluta dei componenti entro i successivi 30 giorni.

8. Il Consiglio Esecutivo deve provvedere in ordine alla domanda di ammissione entro 60 giorni dal suo ricevimento; in mancanza di un provvedimento di accoglimento entro tale data la domanda si intenderà respinta.

9. Sono diritti del socio:
a) partecipare alla vita dell’associazione direttamente o per mezzo di rappresentanti liberamente scelti tra gli altri soci; in tal caso il potere di rappresentanza può essere conferito solo per singoli atti, con esclusione di deleghe a carattere generale.
b) accedere, a norma del presente Statuto alle cariche di rappresentanza e direzione dell’associazione;
c) utilizzare tutti i servizi e le prestazioni fornite dall’associazione ai propri associati;

10. Sono obblighi del socio:
a) versare la quota associativa nella misura e nei tempi e modi stabiliti dal Consiglio Esecutivo;
b) partecipare, in base alle sue possibilità, alle attività dell’associazione;
c) rispettare i regolamenti e le delibere validamente assunte in applicazione del presente Statuto dal Consiglio Esecutivo.
d) fornire al momento dell’adesione un valido indirizzo email dove far pervenire le varie comunicazioni da parte degli organi sociali, impegnandosi anche a comunicare al Consiglio Esecutivo eventuali modificazioni dello stesso.

11. La qualifica di socio si perde per dimissioni, da presentarsi al Consiglio Esecutivo in forma scritta anche per mezzo di email, per mancato pagamento delle quote associative e per esclusione che può avvenire in caso di comportamenti contrari ai principi, alle finalità o agli scopi dell’associazione o per violazione degli obblighi prescritti dal presente Statuto e/o dei regolamenti approvati dall’Assemblea o infine per sopravvenuta perdita di una delle condizioni di ammissibilità indicate al comma 6 del presente articolo. L’esclusione viene decisa con delibera motivata dal Consiglio Esecutivo e comunicata via email. L’esclusione può essere impugnata entro 20 giorni dalla comunicazione davanti al Collegio dei soci fondatori che decide inappellabilmente a maggioranza assoluta dei componenti entro 30 giorni dall’impugnazione. La perdita della qualità di socio, comporta l’immediata decadenza da qualsiasi carica all’interno degli organi associativi ed in alcun caso può comportare diritti in merito alla restituzione delle quote versate.

12. Le quote sociali non sono trasmissibili né rivalutabili.

13. La perdita della qualità di socio, comporta l’immediata decadenza da qualsiasi carica all’interno degli organi associativi.

Sono organi dell’associazione:
1) Assemblea ordinaria;
2) collegio dei soci fondatori;
3) Consiglio Esecutivo;
4) Tesoriere;
5) Presidente;
6) Vice Presidente.

1. L’assemblea laddove non diversamente stabilito delibera ai sensi dell’articolo 21 comma 1 del Codice Civile edè composta da tutti i soci dell’Associazione che risultano regolarmente iscritti anteriormente alla data di convocazione e che siano in regola con il versamento delle quote associative.

2. All’assemblea spetta l’elezione del Consiglio Esecutivo secondo il seguente procedimento elettorale:
a) L’Assemblea è convocata con un preavviso di almeno 60 giorni con un comunicato, da pubblicare sul sito internet dell’Associazione o, in alternativa, da inviare ai soci a mezzo posta elettronica, che deve contenere l’ordine del giorno e il termine di almeno 15 giorni per la presentazione delle candidature.
b) Le candidature devono avvenire per mezzo di specifiche richieste scritte da inviare a mezzo posta elettronica all’indirizzo mail dell’associazione che sarà comunicato dal Consiglio Esecutivo all’attenzione del Presidente dell’Associazione nel termine e nei modi fissati nella convocazione. Possono essere candidati coloro che:
- sono soci dell’associazione da almeno due anni consecutivi e non abbiano, alla data di convocazione dell’assemblea e nei 24 mesi precedenti, rapporti di lavoro dipendente o collaborazione con l’Ascoli Calcio 1898 S.p.A. o con altra società comunque denominata che ne abbia acquisito il titolo sportivo, o di sue società partecipate o partecipanti e non ricopra, alla data di convocazione dell’Assemblea e nei 24 mesi precedenti, cariche politiche di qualsiasi tipo, o che si siano candidati ad elezioni politiche e/o amministrative di qualsiasi tipo;
- non esercitano attività o funzioni che possano determinare conflitto o confusione di interessi con quelli dell’associazione o ledano la sua immagine di associazione indipendente.
c) Entro 5 giorni dalla scadenza del termine fissato per la presentazione delle candidature viene costituito un Comitato elettorale cui è affidato il controllo della regolarità del procedimento elettorale e che è composto da 3 membri, ossia dal membro più anziano del Consiglio Esecutivo uscente, che presiederà il Comitato, esclusi il Presidente ed il vice Presidente in carica e da due membri nominati dal Collegio dei soci fondatori e scelti tra i soci dell’associazione che non rivestono incarichi nella stessa e che non sono candidati.
d) Entro 10 giorni dal suo insediamento il Comitato elettorale dovrà inviare a tutti i soci a mezzo posta elettronica la lista dei candidati ammessi ed indicare il termine massimo per esercitare il diritto di voto.
e) La votazione, al fine di facilitare la partecipazione di tutti i soci, può essere svolta anche a mezzo posta elettronica all’indirizzo mail indicato dal Consiglio Esecutivo entro e non oltre il termine indicato nella comunicazione ufficiale del Comitato elettorale con la lista dei candidati ammessi di cui al precedente punto d).
f) Il voto è palese, non delegabile e si esprime indicando soltanto il nome e cognome del candidato prescelto. In caso di omonimia tra candidati occorrerà indicare anche la data di nascita del candidato prescelto.
g) Lo spoglio viene effettuato dal Comitato elettorale e sono eletti Consiglieri i primi 7 candidati con il maggior numero di preferenze. In caso di parità di preferenze risulta eletto il candidato con maggiore anzianità di iscrizione all’Associazione ed in caso di pari anzianità di iscrizione risulta eletto il candidato più anziano.
h) Al termine dello scrutinio il Comitato elettorale redige un verbale, sottoscritto dal suo Presidente, sul quale riporta le operazioni di spoglio effettuate, i risultati della votazione e l’elenco dei candidati eletti Consiglieri sulla base dei voti validamente espressi. Il Consiglio così eletto entra in funzione dalle ore 24 del quindicesimo giorno successivo alla proclamazione dei risultati, che devono essere comunicati ai soci con le stesse modalità previste per la convocazione. Fino all’insediamento del nuovo Consiglio Esecutivo l’ordinaria amministrazione sarà curata da quello uscente.
i) contro le decisioni del Comitato Elettorale può essere opposto ricorso al Collegio dei Soci Fondatori che delibera insindacabilmente entro 7 giorni.

3. L’assemblea, ove non diversamente specificato, è regolata dal seguente procedimento di voto:
a) L’assemblea è convocata dal Presidente o dal Vice Presidente o da un altro membro del Consiglio Esecutivo in caso di inazione di questi ultimi con un preavviso di almeno 30 giorni con un comunicato contenente il luogo, il giorno, l’ora dell’adunanza e l’ordine del giorno, da pubblicare sul sito internet dell’Associazione o, in alternativa, da recapitare ai singoli soci a mezzo posta elettronica;
b) contestualmente, deve essere comunicato il testo completo della delibera sulla quale i soci sono chiamati ad esprimere il proprio voto favorevole o contrario, il quorum e il principio utilizzato (a maggioranza semplice, assoluta o qualificata) e il termine entro il quale la dichiarazione di voto, eventualmente espressa tramite posta elettronica, deve pervenire presso l’associazione;
c) la votazione si svolge anche per email entro il termine indicato nella comunicazione di convocazione dell’Assemblea. Le votazioni vengono scrutinate in presenza del Presidente, di un rappresentante del Collegio dei soci fondatori e del membro più anziano del Consiglio Esecutivo;
d) al termine dello scrutinio il Presidente e il rappresentante del Collegio dei soci fondatori redigono e sottoscrivono un verbale sul quale viene riportato il risultato della votazione e l’avvenuta approvazione o meno della delibera, che deve essere comunicata ai soci nelle stesse forme della convocazione.

4. All’Assemblea compete approvare, con le modalità previste dall’articolo 21 comma 1 del Codice Civile, il bilancio predisposto dal Tesoriere entro 4 mesi dalla chiusura dell’esercizio;

5. L’assemblea dei soci può altresì, oltre che decidere negli altri casi previsti dal presente Statuto, promuovere iniziative, atti e provvedimenti chiedendone quindi l’attuazione al Consiglio Esecutivo; in tali casi un numero di soci che rappresenti almeno 1⁄4 del totale può chiedere la convocazione di un’Assemblea ponendo all’ordine del giorno della stessa la votazione in merito a detti provvedimenti; l’Assemblea convocata entro 30 giorni dalla richiesta decide a maggioranza dei votanti che rappresentino almeno la metà degli associati. In caso di non raggiungimento del quorum di cui sopra, la proposta s’intenderà non approvata.

6. I soci in numero non inferiore a 1/3 del totale possono richiedere la convocazione di un’apposita assemblea che delibera l’esclusione di uno o più Consiglieri Esecutivi a maggioranza dei 2/3 dei votanti che rappresentino più della metà dei soci.

1. Il Collegio dei soci fondatori è formato da tutti i soci fondatori. I soci fondatori membri del Consiglio Esecutivo devono astenersi dal voto nelle deliberazioni di cui al successivo comma 2 lettere a) e b).

2. Il Collegio dei soci fondatori si riunisce per:
a) decidere a maggioranza dei suoi membri effettivi, inappellabilmente, sui ricorsi presentati dagli aspiranti soci non ammessi dal Consiglio Esecutivo come previsto dall’Art. 5 comma 7;
b) decidere a maggioranza dei suoi membri effettivi, inappellabilmente, sui ricorsi presentati dai soci contro le esclusioni deliberate dal Consiglio Esecutivo come previsto dall’Art. 5 comma 11;
c) nominare due membri del Comitato elettorale previsto dall’Art. 7 comma 2 lettera c);
d) fornire pareri non vincolanti, su richiesta del Consiglio Esecutivo, su problemi di gestione o di politica associativa; nell’eventualità che il Consiglio Esecutivo abbia posto o intenda porre in essere atti che appaiano contrari alle finalità dell’Associazione o che possano minarne l’immagine verso l’esterno il Collegio ha facoltà di sospendere tali atti chiedendo sul punto la convocazione urgente di un’assemblea che entro 30 giorni deciderà a maggioranza dei votanti che rappresentino almeno 1/3 degli associati. In caso di non raggiungimento del quorum previsto, la determinazione del Collegio dei soci fondatori s’intenderà in ogni caso approvata.
e) garantire il funzionamento dell’Associazione quando deve sostituirsi al Consiglio Esecutivo come previsto dall’ultimo comma del successivo articolo 9 o in caso di inazione dello stesso;
f) decidere sui ricorsi contro le decisioni del Comitato Elettorale come previsto dall’art. 7 comma 2 lett. i).

1. Il Consiglio, in quanto espressione della volontà dell’assemblea dei soci, è il massimo organo di rappresentanza dell’associazione.

2. Il Consiglio è composto da 7 membri, eletti liberamente dall’assemblea formata da tutti i soci, secondo il procedimento elettorale stabilito dall’art. 7 comma 2 del presente Statuto.

3. Il Consiglio dura in carica 3 anni. Qualora nel corso del mandato i membri del Consiglio si riducano, per qualunque ragione, ad un numero inferiore a 7, il Presidente, o in sua mancanza il Vice Presidente (o in mancanza di entrambi il Collegio dei soci fondatori) deve provvedere entro 15 giorni alla sostituzione del Consigliere venuto a mancare con il primo dei candidati non eletti alle ultime elezioni del Consiglio Direttivo. Qualora nel corso del mandato i membri del Consiglio si riducano, per qualunque ragione, ad un numero inferiore a 5, il Presidente, o in sua mancanza il Vice Presidente (o in mancanza di entrambi il Collegio dei soci fondatori) deve convocare entro tre mesi l’assemblea dei soci per l’elezione di un nuovo Consiglio, ai sensi dell’art. 7 comma 2.

4. Compete al Consiglio:
a) la nomina, tra i suoi membri, del Presidente e del Vice Presidente;
b) la nomina e/o la revoca del Tesoriere;
c) la predisposizione di una relazione programmatica e di indirizzo generale per l’anno in corso nonché una relazione sull’attività effettuata e sui risultati conseguiti nell’anno precedente presentate dal Presidente e da sottoporre obbligatoriamente alla votazione dell’Assemblea con quanto indicato nel punto successivo;
d) la presentazione del bilancio annuale, preventivo e consuntivo, presentato dal tesoriere per l’approvazione dell’Assemblea convocata ogni anno entro e non oltre il mese di ottobre;
e) l’ammissione e l’esclusione dei soci, nei casi previsti dall’art. 5 del presente Statuto;
f) la riforma dello Statuto nei termini previsti dal successivo art. 12;
g) la determinazione della misura delle quote associative annuali.

5. Il Consiglio si riunisce all’inizio del suo mandato, su convocazione del membro più anziano, per procedere alle nomine di cui ai punti a) e b) del comma precedente.

6. Le successive riunioni sono convocate con le modalità previste dal consiglio stesso.

7. Il Consiglio, inoltre, deve essere convocato qualora ne facciano motivata richiesta scritta almeno 4 membri.

8. Il Consiglio si riunisce almeno una volta all’anno per le delibere di cui ai punti c), d) e g) del precedente comma 4. II Consiglio è validamente costituito con la presenza personale, al momento dell’apertura della riunione, di almeno 4 membri. Ciascun membro presente può avere la delega di un solo assente.

9. Le delibere sono validamente assunte a maggioranza semplice. Le votazioni del Consiglio si svolgono con voto palese e di esse va redatto apposito verbale sottoscritto dal Presidente e da un consigliere.

10. In caso di urgenza, escluse in ogni caso le delibere di cui ai punti a), b), d), ed f) del precedente comma 4, il Consiglio può validamente decidere, su richiesta del Presidente, anche a mezzo posta, fax o email. In tal caso la delibera è validamente assunta con la maggioranza dei membri del Consiglio. La delibera così assunta deve essere redatta per iscritto dal Presidente e sottoscritta, oltre che da lui, anche da un altro componente del Consiglio. Essa deve essere immediatamente comunicata a tutti i membri del Consiglio. 11. Le cariche sociali nominate dal Consiglio possono essere revocate con il voto favorevole di almeno 4 membri ovvero dai soci che in numero non inferiore a 1/3 del totale possono richiedere la convocazione di un’apposita assemblea che delibera la revoca a maggioranza dei 2/3 dei votanti che rappresentino più della metà dei soci.

12. Le decisioni del Consiglio sono comunicate ai soci, per mezzo delle pubblicazioni dell’associazione o con altro mezzo.

13. In ogni caso, il Collegio dei soci fondatori deve garantire la continuità dell’attività dell’associazione, l’ordinaria amministrazione e l’adempimento degli impegni dell’associazione verso terzi.

14. La carica di Consigliere si perde per dimissioni, da presentarsi al Consiglio Esecutivo in forma scritta anche per mezzo di email, nonché per esclusione, votata insindacabilmente dall’Assemblea, con le modalità previste dall’articolo 7 comma 6 che può avvenire in caso di comportamenti contrari ai principi, alle finalità o agli scopi dell’associazione, per violazione degli obblighi prescritti dal presente Statuto e/o dei regolamenti approvati dall’Assemblea o infine per sopravvenuta perdita di una delle condizioni di candidabilità indicate all’art. 7 comma 2 lett. b).

1. Il Tesoriere gestisce l’attività finanziaria, la contabilità e la cassa dell’associazione. Redige i rapporti periodici dell’attività da sottoporre all’approvazione del Consiglio Esecutivo, redige i bilanci e risponde al Consiglio Esecutivo ed all’Assemblea del loro rispetto e corretta esecuzione.

2. Il Tesoriere dura in carica lo stesso periodo del Consiglio Esecutivo ed è eleggibile al massimo per due mandati consecutivi.

3. L’esercizio finanziario dell’associazione inizia il 1° luglio di ogni anno e termina il 30 giugno dell’anno successivo.

1. Il Presidente è il legale rappresentante dell’associazione, che rappresenta di fronte a terzi e in giudizio.

2. Il Presidente promuove l’indirizzo politico-programmatico dell’associazione approvato dall’Assemblea per il perseguimento degli scopi statutari. Inoltre convoca l’assemblea dei soci e il Consiglio Esecutivo, fissa l’ordine del giorno e presiede le riunioni di questo organismo, vigila sul rispetto dello Statuto, delle delibere del Consiglio Esecutivo, sottoscrive i verbali del Consiglio stesso e svolge le altre attribuzioni affidategli dal Consiglio Esecutivo.

3. Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di sua momentanea assenza o impedimento, lo coadiuva nello svolgimento dei suoi compiti e svolge le funzioni delegategli dal Presidente.

4. Il Presidente e il Vice Presidente durano in carica 3 anni e sono eleggibili al massimo per due mandati consecutivi. Qualora nel corso del mandato essi cessino, per qualunque ragione, di esercitare la loro funzione, i nuovi nominati durano in carica per il periodo di tempo residuo.

1. La riforma dello Statuto può essere promossa o per iniziativa del Consiglio o su richiesta di 1/3 dei soci, che possono avanzarla con richiesta scritta indirizzata al Presidente il quale deve porla all’ordine del giorno della successiva riunione del Consiglio. La riforma deve essere approvata con il voto favorevole dei 4/7 del Consiglio ed essere sottoposta all’assemblea dei soci, che la deve approvare con la maggioranza dei 2/3 dei voti validamente espressi che rappresentino almeno la metà dei soci, attraverso il procedimento di voto di cui all’art. 7 comma 3.

1. Per tutto quanto non previsto dal presente Statuto si rendono applicabili le norme dettate in materia di Associazione dal Codice Civile.

1. Il primo Consiglio Esecutivo, che resterà in carica per il primo triennio, è nominato nell’atto costitutivo dai soci fondatori. Qualora nel corso del mandato i membri del primo Consiglio Esecutivo si riducano, per qualunque ragione, i Consiglieri sono sostituiti dal Collegio dei soci fondatori con votazione a maggioranza dei componenti che scelgono i nuovi Consiglieri tra i soci fondatori. In questo caso, il nuovo Consiglio resterà in carica soltanto fino alla fine del mandato originario del vecchio Consiglio.

2. La quota sociale per i soci ordinari è fissata, per il primo anno, in Euro 10,00.

Contatta l’Associazione

Via Oberdan, 79
63100 Ascoli Piceno

oppure utilizza il modulo sottostante

Tutti i campi contrassegnati con il simbolosono obbligatori.